medicina narrativa

Che cos’è la medicina narrativa?

Ognuno di noi ogni giorno racconta qualcosa: raccontiamo noi stessi agli altri, raccontiamo avvenimenti del nostro passato, raccontiamo quali siano le nostre aspettative per il futuro. La narrazione dell’esperienza personale dovrebbe avere un ruolo significativo nelle relazioni di cura, non solo in quelle interpersonali, perché è necessario che la sofferenza venga inserita in racconti reali diventare condivisibile e trasformarsi in risorsa.

Oggi la medicina ha fatto passi da giganti a livello di ricerca scientifico-tecnologica, ma ci si è comunque resi conto che questo non è più sufficiente. Questa medicina basata sull’evidenza, cioè quella che formula diagnosi a partire dai sintomi che il paziente manifesta, non tiene conto di tutti quegli aspetti emotivi che caratterizzano la persona ed influiscono, più o meno direttamente, sullo stato della malattia.

La Medicina Narrativa (termine coniato da Rita Charon, il suo abstract è reperibile qui) nasce proprio con il tentativo di risolvere questa mancanza, rivolgendosi sia al paziente che al medico, poiché entrambi sono persone, e come tali si relazionano tra di loro. Oggi la medicina è presente nella nostra vita quotidiana, e tutti abbiamo ormai familiarità con le strutture del sistema sanitario. Tuttavia, anche a causa della concezione aziendale sempre più adottata dagli ospedali, il rapporto tra medico e paziente sta andando affievolendosi e raffreddandosi. Il paziente viene visto più come un insieme di dati, e non come una persona con una storia alle spalle e dei bisogni. In questo senso la Medicina Narrativa si avvicina, filosoficamente parlando, agli approcci olistici tipici delle medicine non convenzionali, che a fronte di una classificazione rigida delle malattie, propongono una soggettivizzazione del paziente, visto in tutta la sua complessità e unicità psicosomatica.

Perché le storie sono così importanti nella medicina tradizionale? Le storie offrono l’occasione di contestualizzare dati clinici e soprattutto bisogni, e permettono di leggere la propria storia con gli occhi degli altri, apportando una ricchezza e una pluralità di prospettive oggi assenti. La scrittura permette al paziente di sentirsi non isolato, ma al centro della struttura e questo offre, a sua volta, agli operatori ospedalieri la possibilità di avere una visione più completa dei problemi. La narrazione della patologia del paziente al medico è qui considerata al pari dei segni e dei sintomi clinici della malattia stessa.

La Medicina Narrativa non vuole contrapporsi alla medicina tradizionale basata sull’evidenza, vuole senz’altro essere uno strumento di supporto ad essa.
Si va oltre la valutazione della qualità delle cure sentita dal paziente (soddisfazione/insoddisfazione), mirando a ridefinire la pratica clinica nel suo complesso.

Tuttavia raccogliere e portare alla luce un’esperienza da parte del paziente non è facile, richiede tempi appropriati, riflessioni adeguate ed una formazione specifica. La Medicina Narrativa necessita, quindi, sia della capacità del medico di comprendere le storie dei pazienti, sia della capacità e della volontà del paziente a raccontare la propria storia. Ma fare Medicina Narrativa non significa solo raccontare se stessi attraverso la scrittura o la parola. Per raccontare la propria esperienza si possono utilizzare tecniche alternative: si può narrare il proprio stato d’animo con delle poesie, attraverso dei disegni, con delle fotografie, insomma con tutte quelle tecniche che permettono una narrazione.

La Medicina Narrativa permette di migliorare le relazioni tra:
– paziente e medico (e altre figure professionali del sistema);
– paziente e mondo esterno;
– paziente e struttura ospedaliera.

Può inoltre aiutare il paziente a:
– prendere decisioni (perché diventa più consapevole della sua situazione e non deve decidere della sua vita solo sulla comunicazione di semplici informazioni.
– restituire tempo e spazio, che generalmente in un ricovero ospedaliero si perdono completamente.
– relazionarsi con gli altri.
– dare testimonianze, che poi potranno essere utili per altri pazienti e per medici.

In america la Medicina Narrativa è stata ormai formalizzata anche all’interno delle strutture universitarie. Il modello concettuale della Narrative-Based Medicine (NBM) è stato sviluppato alla Harvard Medical School da B.J. Good. Poco meno di un anno fa è apparso sul New York Times (Zuger A., Doctors who wield the pen to heal the profession, 15 maggio) un articolo sul workshop di Medicina Narrativa, tenutosi alla Columbia University: per un intero fine settimana medici generalisti e specialisti si sono confrontati per apprendere strategie comunicative, esercitarsi all’ascolto, sviluppare la capacità di raccontare e anche di scrivere le storie e le esperienze di cui sono testimoni quotidianamente.

In Italia è stata rivolta poca attenzione a questa metodologia. Ma vi sono alcuni enti e soggetti che se ne stanno occupando. L’Istituto Superiore di Sanità vi ha dedicato un’ampia sezione del suo portale, con una completa selezione bibliografica dalla letteratura internazionale ed un progetto di ricerca davvero di grande interesse.

Un’altra iniziativa interessante è quella svolta dal Prof.re Antonio Virzì (Clinica Psichiatrica, Università degli Studi di Catania) con il suo sito internet, dedicato interamente alla medicina narrativa.

> Potete trovare questo nostro articolo anche sul sito OctopusMed.

Annunci

63 responses

5 03 2008
bibomedia

🙂

20 03 2008
Giorgio Bert

Da una decina d’anni l’Istituto CHANGE di Torino organizza seminari e corsi di medicina narrativa e di counselling narrativo . Da questa esperienza è nato il libro di G. Bert sul tema.
Altre iniziative di Medicina Narrativa sono in atto in diverse città: ad esempio nei prossimi due mesi avrò occasione di intervenire sul tema a Verona, a Rimini, a Vicenza, a Milano, a Bellinzona…
Sarebbe importante costruire una rete di collegamento e di confronto sui metodi e sulle tecniche, che preveda inoltre momenti di valutazione delle rispettive esperienze in ambito sia formativo che relazionale.
Cordialmente
Giorgio Bert

24 06 2008
Salvatore Dipasquale

ciao ragazze!
appena ricevuta la vostra mail, mi sono precipitato a visitare il sito. colgo l’occasione per farvi i complimenti non solo per l’iniziativa, ma anche per come avete strutturato il sito!
speriamo di poter collaborare in qualche modo a breve…
ciao e a presto!

18 04 2009
il guardiano

credo che dove la medicina si fa più tecnocologica, protocollata, estrema (nel bene e nel male), c’è bisogno di riempirla di umanità, per non perderne il senso, lo scopo. Ai confini tra terapie eroiche e accanimento terapeutico non c’è macchina che ti dia le risposte giuste, non c’è farmaco che ti risolva i problemi. Non so se nottidiguardia.it possa essere considerato un sito di medicina narrativa, ma più leggo sull’argomento, e più mi accorgo che ne condivido pienamente i principi.
grazie

27 04 2009
Mariarita Cajani

Sono una pediatra, desiderosa di riflettere e confrontarmi con le esperienze umane che quotidianamente il mio lavoro mi offre. Le esperienze e le emozioni , se vengono scritte, possono diventare degli strumenti fondamentali per rivedere e migliorare i nostri comportamenti verso gli altri, con grande vantaggio per la nostra crescita professionale.
Consiglierei a chi si avvicina alla medicina narrativa di visitare il sito della Libera Università dell’autobiografia di Anghiari. http://www.lua.it. Ci sono percorsi di formazione interessanti con docenti preparati, tra cui un seminario specifico: Scrivere l’esperienza di malattia, condotto da Lucia Zannini, un’esperta di questa materia.
Anche l’orizzonte del nostro ambulatorio può diventare immenso in un giorno di visite monotone e di routine. Non dipende da ciò che vediamo, ma da come guardiamo il paziente che abbiamo di fronte.
Credo che il guardiano abbia creato un bellissimo sito di medicina narrativa. Io lo leggo ogni giorno , mi commuovo, rifletto e riscopro il significato vero del mio essere medico.
Grazie guardiano. Chissà che un giorno anche noi pediatri riusciremo a seguire le tue orme e creare un sito analogo.
A me piacerebbe moltissimo.

16 08 2009
furio panizzi

Sul nostro sito http://www.uildmlazio.org
a settembre 09 viene promosso un seminario a Roma ” Medicina Narrativa in Riabilitazione”
“MEDICINA NARRATIVA IN RIABILITAZIONE”

DATA CORSO 29 SETTEMBRE 2009 EDIZIONE UNICA
¬¬
Sede del Corso Via Prospero Santacroce, 5 Orario di svolgimento: 10.00 – 18.00
per Info: infocorsi@uildmlazio.org – tel. 06.6604881

21 11 2009
antonella

sno un’infermiera del policlinico Tor Vegata di Roma sto frequentando un ECM “Scrivere la Cura” in cinque giornate di 7 ore ciascuna. Vi posso assicurare che avvicinarsi alla medicina narrativa è un arricchimento che non ha eguali nelle relazioni di aiuto.
Vi lascio con un petit-onze

tu
mi narri
la storia della
tua malattia io ti
curo

16 04 2010
8 09 2010
La Medicina Narrativa e il teatro « H.story

[…] medicina narrativa […]

11 10 2010
La Medicina Narrativa nella transculturalità « H.story

[…] medicina narrativa […]

11 10 2010
Bioetica e Medicina Narrativa: un corso ECM a Roma « H.story

[…] medicina narrativa […]

28 10 2010
Medici umani, pazienti guerrieri « H.story

[…] medicina narrativa […]

9 11 2010
22 11 2010
Medicina Narrativa in Oncologia « H.story

[…] medicina narrativa […]

10 12 2010
18 01 2011
30 01 2011
8 02 2011
22 02 2011
Medicina Narrativa sul Corriere della Sera « H.story

[…] medicina narrativa […]

23 02 2011
8 03 2011
8 03 2011
21 03 2011
Cronicità e Medical Humanities « H.story

[…] medicina narrativa […]

5 04 2011
7 04 2011
In viaggio con il medico per apprendere e curare « H.story

[…] medicina narrativa […]

11 04 2011
18 04 2011
Psicogeriatria e Medicina Narrativa « H.story

[…] medicina narrativa […]

19 04 2011
22 04 2011
23 05 2011
La Medicina Narrativa nella pratica assistenziale « H.story

[…] medicina narrativa […]

23 05 2011
7 06 2011
14 06 2011
30 06 2011
1 07 2011
Nasce a Ferrara la Slow medicine « H.story

[…] medicina narrativa […]

6 07 2011
La Medicina Narrativa, la cura delle parole « H.story

[…] medicina narrativa […]

2 08 2011
Raccontami di te… percorsi di cura dei pazienti « H.story

[…] medicina narrativa […]

6 09 2011
14 09 2011
18 09 2011
Leah

Sono una pediatra, desiderosa di riflettere e confrontarmi con le esperienze umane che quotidianamente il mio lavoro mi offre. Le esperienze e le emozioni , se vengono scritte, possono diventare degli strumenti fondamentali per rivedere e migliorare i nostri comportamenti verso gli altri, con grande vantaggio per la nostra crescita professionale.
Consiglierei a chi si avvicina alla medicina narrativa di visitare il sito della Libera Università dell’autobiografia di Anghiari. http://www.lua.it. Ci sono percorsi di formazione interessanti con docenti preparati, tra cui un seminario specifico: Scrivere l’esperienza di malattia, condotto da Lucia Zannini, un’esperta di questa materia.
Anche l’orizzonte del nostro ambulatorio può diventare immenso in un giorno di visite monotone e di routine. Non dipende da ciò che vediamo, ma da come guardiamo il paziente che abbiamo di fronte.
Credo che il guardiano abbia creato un bellissimo sito di medicina narrativa. Io lo leggo ogni giorno , mi commuovo, rifletto e riscopro il significato vero del mio essere medico.
Grazie guardiano. Chissà che un giorno anche noi pediatri riusciremo a seguire le tue orme e creare un sito analogo.
A me piacerebbe moltissimo.

27 09 2011
9 10 2011
Bioetica e Medicina Narrativa: nuove prospettive di cura | Hstory

[…] il momento di confronto, curato dal Servizio di Bioetica dell’Ospedale Isola Tiberina, sulla Medicina Narrativa. L’appuntamento è per giovedì 6 ottobre 2011 alla Sala Assunta dell’Isola. Qui sotto […]

9 10 2011
Viverla tutta, il progetto di Medicina Narrativa de LaRepubblica | Hstory

[…] progetto ha quindi lo scopo che da sempre si prefigge la Medicina Narrativa. Proprio per questo molte sono le affinità tra i nostri progetti e questo. L’obiettivo è […]

9 10 2011
Comunicare il cuore. L’importanza del rapporto medico paziente. | Hstory

[…] elemento importante, e che viene spesso sottolineato dalla Medicina Narrativa , è quello per cui la comunicazione va considerata come uno strumento indispensabile non solo […]

9 10 2011
Raccontami di te… percorsi di cura dei pazienti | Hstory

[…] settimana fa è stato pubblicato un interessante articolo dedicato a progetti di Medicina Narrativa su Ripplemarks, un laboratorio di giornalismo partecipativo realizzato dall’Istituto degli […]

9 10 2011
La Medicina Narrativa, la cura delle parole | Hstory

[…] sul sito della Fondazione ZOE (Zambon Open Education). Generalmente il nostro approccio alla Medicina Narrativa tende a focalizzarsi verso l’individualità del paziente e del malato, ponendo poco […]

9 10 2011
Nasce a Ferrara la Slow medicine | Hstory

[…] Slow Medicine si pone quindi a supporto di alcuni dei fondamenti della Medicina Narrativa. Qui potete scaricare il file pdf dell’articolo pubblicato su L’Espresso. Posted in […]

9 10 2011
Medicina Narrativa: Ascoltare non costa nulla. Intervista a Rita Charon | Hstory

[…] è stata pubblicata su L’Espresso un’intervista a Rita Charon, fondatrice della Medicina Narrativa è docente di Clinica medica e direttrice del programma di Medicina Narrativa della Columbia […]

9 10 2011
Medicina Narrativa e Malattie Rare, la persona al centro della relazione di cura | Hstory

[…] riportiamo qui sotto il comunicato stampa del Convegno di Medicina Narrativa che si tiene oggi presso L’Istituto Superiore di Sanità a […]

9 10 2011
La medicina narrativa come strumento per evitare l’insorgere di conflitti | Hstory

[…] quindi di leggere il breve articolo, che potete scaricare qui in pdf. Un altro piccolo passo per la Medicina Narrativa si è fatto e se anche le istituzioni ne coglieranno a pieno il valore aggiunto ed instrinseco […]

9 10 2011
Bioetica e Medicina Narrativa, un incontro al Gaslini di Genova | Hstory

[…] di più all’aumento di eventi ed iniziative volte a sostenere e a diffondere i principi della Medicina Narrativa. Vi segnaliamo un evento che si terrà il prossimo 9 giugno presso l’Istituto Giannina […]

9 10 2011
Applicazione della Medicina Narrativa in cardiologia | Hstory

[…] può essere molto utile se si intende affrontare un discorso molto approfondito sul tema della Medicina Narrativa da un lato e su quello più legati ai concetti della comunicazione dall’altro. In particolar […]

9 10 2011
La Medicina Narrativa nella pratica assistenziale | HstoryHstory

[…] ed il 31 maggio si terranno due giornate volte all’introduzione dellaMedicina Narrativanella pratica assistenziale presso la Sala Riunioni dell’Associazione Croce Verde di Porto […]

9 10 2011
ICF e Medicina Narrativa, corso nazionale SIMFER 2011 | HstoryHstory

[…] riguarda il tema a noi caro, nella sessione del sabato si andranno ad affrontare temi legati alla Medicina Narrativa correlata a quella riabilitativa e di […]

9 10 2011
La medicina narrativa: il vissuto del paziente incipit di cura | HstoryHstory

[…] circa un mese, il 25 di maggio, si terrà un convegno di Medicina Narrativa presso la Sala Conferenze Ordine Medici ed Odontoiatri della Provincia di Brescia: La Medicina […]

9 10 2011
Psicogeriatria e Medicina Narrativa | HstoryHstory

[…] Un momento fondamentale in cui è stato presentato l’approccio medico ideale per curare le malattie degli anziani. Marco Trabucchi, che ha presidiato il Congresso, ha spiegato come la Psicogertatria è una disciplina che, per essere efficacie, deve permettere la collaborazione tra la medicina basata sull’evidenza e la Medicina Narrativa. […]

9 10 2011
Arte e Salute, un’associazione onlus volta alla narrativa | HstoryHstory

[…] ed emozionale che solo l’arte teatrale narrativa porta con sè. Una dimostrazione che le Medicina Narrativa non è solo un’utopia ma una disciplina che qui in Italia si sta sviluppando sempre più […]

9 10 2011
In viaggio con il medico per apprendere e curare | HstoryHstory

[…] casa editrice Athena Audiovisual propone una una collana di libri che trattano di Medicina Narrativa: “In viaggio con il medico per apprendere e […]

9 10 2011
La Medicina Narrativa e il teatro | HstoryHstory

[…] non è solamente un progetto di Medicina Narrativa che si basa su una serie di oggetti/strumenti ma è soprattutto un progetto di comunicazione a […]

15 10 2011
Il reparto aperto di Terapia Intensiva del San Giovanni Bosco di Torino | Hstory

[…] dimostra ancora una volta come narrazione ed ascolto, due dei fondamenti della disciplina della Medicina Narrativa, siano elementi di cui non si può prescindere quando si tratta di rapporti all’interno di un […]

24 10 2011
27 10 2011
27 10 2011
Medicina Narrativa Il carattere terapeutico del femminile: la donna e la dimensione della cura | H.story

[…] di una serie di eventi che si svolgeranno nei prossimi giorni: tra cui vari incontri di Medicina Narrativa, un Convegno organizzato in collaborazione con l’Ordine dei medici di Modena sulla […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: